Disinfestazione parassiti: come avviene e a chi rivolgersi

Home » Disinfestazione parassiti: come avviene e a chi rivolgersi

Grazie alla disinfestazione è possibile procedere con l’eliminazione o la significativa riduzione di numerosi tipi di parassiti. Le tecniche variano a seconda degli ambienti esaminati e dell’elemento infestante che dovrà essere debellato mediante il trattamento. Vediamo quindi quali sono i principali ambiti di intervento e a chi rivolgersi per risolvere il problema.

 

Disinfestazione zanzara, come avviene e dove colpire

Perché un processo di disinfestazione o monitoraggio sia efficace è fondamentale rivolgersi a dei professionisti del settore, evitando soluzioni fai da te.

L’intervento deve verificarsi nel rispetto di obiettivi precisi e in relazione a vari criteri operativi: anzitutto la specie di zanzara, vanno poi valutate le condizioni ambientali e le caratteristiche della struttura oggetto della bonifica.

Il professionista è chiamato a compiere dei sopralluoghi così da analizzare la conformazione dell’ambiente nel quale andrà a operare ricercando focolai.

Andranno colpite soprattutto le aree nelle quali si riproducono le zanzare e quindi dove depongono le uova. L’impresa di disinfestazione deve infatti operare rispetto a due contesti: da una parte l’eliminazione delle larve e dall’altra l’uccisione delle zanzare adulte.

 

L’importanza di una corretta disinfestazione blatte

Blatte e scarafaggi richiedono un’azione veloce e mirata perché eventuali ritardi possono determinare una propagazione, in tempi ridotti, nell’intera abitazione. Questi insetti sono caratterizzati del resto da un elevata capacità di riproduzione.

Solo dei seri professionisti del settore sono capaci di procedere con un’opera di disinfestazione blatte e scarafaggi proficua. Sono insetti molto resistenti e l’opera di debellamento è piuttosto complessa. Buona parte degli insetticidi più comuni è essenzialmente inefficace.

 

Intervenire con la disinfestazione processionaria

La disinfestazione processionaria non può essere eseguita mediante tecniche fai da te vista la nocività dell’insetto infestante.

I trattamenti devono essere compiuti nei vari siti dove vanno ad addensarsi gli insetti, sono coinvolti contesti quali parchi, orti e aree boschive. A essere colpiti, in modo particolare, sono i nidi, ma l’opera di disinfestazione può interessare l’intera pianta.

Le caratteristiche dell’attività di disinfestazione cambiano a seconda della pianta presa in esame. In caso di pini, ad esempio, i nidi vanno colpiti durante i mesi invernali, mentre i nidi nelle querce vanno trattati in primavera-estate.

 

Come funziona la disinfestazione moscerini

Per quanto riguarda i moscerini, una delle principali priorità è rappresentata dalla identificazione dei luoghi in cui sono state deposte le uova.

Perché la disinfestazione riesca è fondamentale adottare misure di assoluta igiene, dovrà parallelamente essere eseguita la rimozione dei ristagni d’acqua.

Le aziende specializzate impiegano disinfettanti pensati appositamente per questi insetti. La loro eliminazione deve essere accurata e nel rispetto di condizioni atte a garantire l’incolumità di chi abita gli ambienti oggetto della disinfestazione. 

I servizi principali di PFE: